Aterballetto

Fondazione Nazionale della Danza

Repertorio

in english

Constructions - cor. Mauro Bigonzetti

Coreografia di MAURO BIGONZETTI
Musiche: JOHN CAGE*
Costumi: LUCIA SOCCI
Luci: CARLO CERRI

La prima incursione coreografica di Mauro Bigonzetti nel mondo musicale di John Cage coinvolge le tre Constructions (rispettivamente scritte nel 1939, 1940 e 1941) e vede la luce all’interno del festival di musica contemporanea “Di Nuovo Musica”, alla quale già in passato ha dedicato importanti e sperimentali produzioni come Pression, su musiche di Lachenmann e Schubert e Pèrsephassa, sull’omonima partitura di Iannis Xenakis.

“Nelle tre Constructions Cage fa ricorso a ciò che battezzò (...) micro-macrocosmic structure. Il metodo è in realtà più semplice del nome che porta: indica l’equivalenza di proporzioni esistente tra una singola unità ritmica dell’opera (microstruttura) e la composizione nel suo insieme (macrostruttura). Ad esempio, tanto la First che la Second Construction sono formate da 16 moduli ritmici, a loro volta di 16 battute ciascuno; la Third da 24 gruppi di 24 battute. Sospettiamo non sia casuale che l’Ulisse di James Joyce, scrittore del quale Cage traspose molto spesso in termini musicali testi e anche tecniche narrative, si basi appunto su una struttura micro-macrocosmica non meno palese. (...) Fantasiosa la scelta di strumenti a percussione, asiatici (balinesi, giapponesi, cinesi, indiani), precolombiani o inediti (tamburi con sordina costituiti da freni di automobile!).
(estratto dal saggio di Michele Porzio, catalogo “Di Nuovo Musica” 1998).

Come per Xenakis, anche in questo caso Bigonzetti ha scavato nella musica di Cage con la consueta freschezza e purezza di ascolto, ideando tre segmenti coreografici differenti per impatto scenico e numero di interpreti, ma collegate fra loro da una figura maschile - a cui è affidato l’assolo della Second Construction - , un danzatore che, moderno sciamano, evoca e fa riaffiorare da un tempo dimenticato brandelli di culture originali, con le sue incursioni tra il bianco di improbabili e postclassici tutu (First Construction) e il nero metropolitano degli abiti del gruppo (Third Construction).

*First Construction, Second Construction, Third Construction

Coproduzione Centro Regionale della Danza/Aterballetto - Di Nuovo Musica 1998

Prima Rappresentazione:
Reggio Emilia, Teatro Valli
10 ottobre 1998