Aterballetto

Fondazione Nazionale della Danza

News dalla Fondazione

I giovani danzatori del Collettivo MoDem della Compagnia Zappalà Danza sono ospiti per la prima volta in Fonderia39 giovedì 9 marzo ore 20.30.

In scena due nuove creazioni che debuttano il 4 marzo a Scenario Pubblico a Catania.

Bramato è un processo creativo di Samir Calixto, coreografo brasiliano sostenuto dalla casa di produzione olandese Korzo, con cui collaborano la Fondazione Nazionale della Danza e Scenario Pubblico. Le sette ballerine sono coinvolte in una ricerca coreografica che propone un incrocio senza compromessi tra musicalità e intensa fisicità. In questo processo creativo, l’umanità è rivelata sul palco esponendo vulnerabilità, fragilità e bellezza. Musiche di Vincenzo Bellini, Christoph W.Gluck, Emptyset.

 

Primitiva - 2° capitolo è la seconda tappa del progetto Primitiva di Manfredi Perego, coreografo 30enne di Parma, vincitore nel 2014 del prestigioso Premio Equilibrio e per la terza volta ospite nella rassegna della Fonderia39.

Il coreografo ricerca insieme a tre danzatrici, attraverso la musica di Paolo Codognola, ciò che possiamo ancora sentire come primitivo nel corpo, termine che per Perego oggi porta con sé una sottile ribellione.

 

La serata si conclude con una coreografia del repertorio di Roberto Zappalà. Melting pot composto nel 2010 è un lavoro che, come dice il titolo stesso, riunisce alcuni frammenti di diverse creazioni che nel tempo sono state realizzate da Zappalà. L’idea è l’emancipazione del lavoro che di volta in volta viene messo in discussione attraverso nuovi interventi coreografici pensati per i nuovi danzatori che vanno in scena, un Melting pot sempre work in progress.

Giovedì 9 marzo ore 11.00 Manfredi Perego presenta la sua creazione, dialogando con il pubblico sul suo processo creativo.

Venerdì 24 marzo ore 20.30 sulla scena della Fonderia39 la Compagnia Enzo Cosimi propone una coreografia che ha segnato la storia della danza italiana. A distanza di 35 anni si rivede Calore di Enzo Cosimi, un lavoro del ’82 nient’affatto invecchiato. Lo spettacolo è un viaggio visionario dove all’interprete è richiesto un processo di regressione che serve come traccia per disegnare un’età dell’infanzia e dell’adolescenza infinita.
Lo spettacolo è stato riallestito all’interno del progetto RIC.CI -  Reconstruction Italian Contemporary Choreography anni Ottanta-Novanta di Marinella Guatterini.

Prova aperta con Enzo Cosimi: giovedì 23 marzo ore 18.00.

Per info e prenotazioni: 0522-273011

www.biglietteriafonderia39.it

 

Educational

A marzo saranno in scena tre progetti che hanno visto protagonisti gli adolescenti di Reggio Emilia.

Venerdì 10 marzo alle ore 20.30 il bellissimo Palazzo da Mosto ospita la performance Confini tra luci e ombre, creazione di Arturo Cannistrà per 15 allievi delle scuole di danza di Reggio Emilia. Il progetto è in collaborazione con Officina Educativa, con il contributo dei ragazzi della scuola secondaria di primo grado E. Fermi. Repliche ore 21.00 e 21.30. Per info: www.comune.re.it/apertamente

Venerdì 17 marzo in Fonderia39 è in scena la seconda edizione di Corpi Sonanti, progetto performativo per i 40 musicisti dell’orchestra giovanile dell’Istituto Musicale Achille Peri. Quest’anno i 40 ragazzi danno forma, vita e movimento alla musica di Mahler.

Sabato 25 marzo al mattino al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia viene presentato Vittime del Silenzio, progetto Leggere per ballare che vede come protagonisti gli allievi delle scuole Arcadia, Danzarte, Eidos, Let’s Dance e Progetto Danza con la collaborazione dell’associazione Nondasola.

Leggere per ballare sarà a Faenza con I misteri di Red Maples, a Salerno, Campobasso, Isernia e Schio con Alice, a Roma con Vittime del Silenzio e a Perugia con il debutto de Le serenate del Ciclone.

Il 25 marzo alle 20.30 al Teatro Verdi di Busseto le scuole di danza da tutta Italia partecipano al Gala tributo a Nat King Cole.